mercoledì 26 giugno 2013

Si è chiusa la Milano Moda Uomo



Milano. si è chiusa la settimana della moda maschile, un settore che registra il piu' 7% nell'export. Tra sfilate e economia, la moda rende milano capitale europea.


Il racconto della moda comincia da qui. da questi uomini che vestono più corto e più stretto, dal denim di Ermanno Scervino, dal bianco di Giorgio Armani, i tessuti high tech di Gucci ed i gonnnelloni hawaiani di DSquared. 

Ma oltre le passerelle, i backstage, gli ospiti illustri ed i grandi nomi che fanno lo stile, da Dolce & Gabbana a Versace, ci sono i numeri della moda. e sono quelli che contano. Gran finale per le collezioni maschili e cifre che fanno intuire una ripresa ell'economia, soprattutto verso i paesi stranieri, nel settore moda.

Le vendite del made in Italy crescono verso l'Asia centrale con un più 38,8%, un volume di denaro stimato tra i 18 ed i 25 milioni di euro, tra il 2012 ed il 2013, a seguire l'Oceania, l'Asia orientale ed il medio oriente. 

L'export milanese nella moda, nei soli primi tre mesi del 2013, ha sfiorato 1,3 miliardi di euro, con una crescita del 7,1% rispetto allo stesso periodo del 2012,  resta protagonista, l'eccellenza dei nostri stilisti, regia perfetta di idee, sartorialità e marketing, ma in fondo è l'italian style.