martedì 15 ottobre 2013

Inaugurato a Padova l’orto botanico più antico del mondo





Una grande cupola di vetro, alimentata dal sole e dall'energia rinnovabile, con 1300 nuove specie di piante, che si aggiungono alle seimila già ospitate nel parco. E’ il giardino delle biodiversità, il nuovo polo dell'orto botanico di Padova, il più antico del mondo, già patrimonio dell'Unesco. 

Qui, nel 1545, ha avuto inizio la storia degli orti botanici. La Serenissima Repubblica voleva un luogo dove fare ricerca, studiare l'anima medicinale delle piante e scelse di realizzarlo nella più prestigiosa tra le università, quella di Padova, fondata nel 1222.

La nuova sfida è quella di non rimanere ancorati al passato, rinnovarsi, con un progetto ambizioso, avveniristico. Ecco il risultato: tra la Basilica del Santo e quella di Santa Giustina, un giardino di 15 ettari, in cui sono ospitate le piante del mondo. 

Grandi cascate d'acqua separano le sezioni dedicate alle specie tropicali da quelle delle zone desertiche, le aree artiche dalle temperate, ma lo spettacolo non sono solo i rami, le foglie. Ad incantare è anche la gigantesca serra un luogo magico, pieno di fascino.

Luogo di ricerca, aperto anche alla città ed al mondo, il giardino sarà visitabile il 19 e il 20 ottobre prossimi, in attesa dell'apertura ufficiale, nell'estate del 2014.