venerdì 14 marzo 2014

Mangiare, comprare, studiare. Arriva Eataly Smeraldo a Milano







E alla fine ce l'ha fatta. Oscar Farinetti ha presentato alla stampa questa sera il nuovo Eataly Smeraldo, che sorge in piazza 25 aprile a Milano. Ed il 25 aprile era anche la prima data prevista per aprire i battenti nel capoluogo milanese, ma, per mille problemi burocratici e non, è slittata al 18 marzo.

Anche questa non è però una data casuale. È infatti il primo giorno delle cinque giornate di Milano, che verranno festeggiate con 5 serate di eventi e che rappresentano come Eataly, una sorta di Risorgimento.

La location è quella dell'ex Teatro Smeraldo e si è voluto rispettarne la filosofia. Non solo food quindi. 'L'obiettivo è conservare la memoria storica' spiega Farinetti 'così, il passato, che molti consideravano destinato all'oblio, ricomincia da qui, seppur con un gusto diverso.'

'Tutte le sere, infatti, dalle 19 fino a mezzanotte, si farà musica del vivo: rock, blues, jazz, pop e folk con artisti emergenti, soprattutto giovani, come le 350 persone che lavorano qui' precisa il patron.

Farinetti è molto orgoglioso quando parla del suo progetto e ci tiene a precisare, con un sano entusiasmo che fa trasparire quanta passione riesce a mettere ancora nei suoi progetti, che Eataly innanzitutto non è una catena, ogni store nel mondo ha infatti una sua identità, e che col suo impegno offre lavoro a molti giovani (in quello di Milano ne vengono impegnati circa 350).

Ma veniamo alle proposte. Accolti da una struttura di vetro ultramoderna, lo store si sviluppa su tre livelli (più due sotterranei per i servizi). 

Entrando al piano terra, sulla sinistra ci accoglie Lavazza, scelto da Farinetti anche grazie all'attenzione dimostrata ai coltivatori del Sudamerica, accanto a cui troviamo la meravigliosa piadina dei fratelli Maioli, direttamente da Cervia, e, da Asti, Lait che propone un gelato con latte piemontese d'alpeggio. Segue Luca Montersino con i suoi dolci con poco zucchero e Venchi, sinonimo di cioccolato di alta qualità.

Sul lato opposto direttamente da Firenze, il pane fatto nel forno a legna ed i panini express di 'ino, i risto-express con la pasta di Gragnano e la pizza fatte con lievito naturale, e per finire, uno spazio del casalingo ed uno dedicato ai libri, non solo di cucina.

Il secondo piano è dedicato ai freschi, dai salumi ai formaggi, tra cui La fabbrica della mozzarella e la pasta fresca di Michelis con gli sfoglino, ragazzi specializzati nello stendere la pasta. Segue la macelleria, presidio Slow Food, la rosticceria, dove si possono trovare polli, suini e tutti gli animati allevati a terra ed infine la pescheria. 

Al terzo piano due aule didattiche per scuola di cucina (Arclinea e Valcucine), tutto il mondo del vino e delle birre, il caffè Vergnano e, sopratutto, 'Alice' il ristorante gourmet gestito da Viviana Varese e Sandra Ciciriello

Alice, che aprirà ufficialmente i battenti il 21 marzo, ha due particolarità. La prima è che, essendo situata all'ultimo piano e godendo di una parete di vetro, permette una meravigliosa vista sulla piazza sottostante e sui tetti di Milano. La seconda è un tavolo social, di 12 posti, da prenotare in gruppo o in coppia, che ogni sera avrà un menù a sorpresa,. che la chef cambierà continuamente e presenterà solo la sera stessa.

E finiamo tornando al patron Farinetti ed alla sua scherzosa proposta, di correggere il primo capitolo della Costituzione italiana 'L'Italia è una Repubblica fondata sulla bellezza (anziché il lavoro), perché il lavoro si trasferisce da oggetto a mezzo e diventa bellezza, e noi italiani dobbiamo promuoverla'.



EATALY SMERALDO
Piazza XXV Aprile 25
Milano
Inaugurazione store 18 marzo 2014 ore 10.00
Inaugurazione Ristorante Alice 21 marzo 2014











































Nessun commento: