venerdì 13 febbraio 2015

Al via la settimana della moda di New York, prima delle Four Big




Moda, ma anche economia. A chi dice che questo settore è solo una cosa sciocca, fatta di abitini, i dati del Congresso Usa rispondono con cifre da capogiro: i due appuntamenti annuali generano qualcosa come 900 milioni di dollari.

Comunque, per noi che non ci occupiamo di economia, ma di tendenze, quello che interessa è l'inaugurazione, avvenuta ieri in una giornata gelida, della Mercedes Benz New York Fashion Week, che continuerà fino al 19 febbraio.

In mattinata ha fatto ha fatto da apripista alle sfilate, Coach, il marchio newyorkese, famoso soprattutto per le sue borse, che ha cercato di unire la tradizione americana con l'individualità che è tipica di New York. 

Ecco cosi un look che rimanda allo stile Harley Davidson con 'American Originals', che combinati assieme vanno ben oltre la somma delle loro parti. La pelle, le borchie, le bandana danno un senso di libertà tanto caro alle grandi distese americane del Midwest. 

Il direttore creativo Stuart Vevers ha scelto inoltre di rendere le sue creazioni 'imperfette in modo da dare ad esse carattere. 

Ma non si può negare che la grande attesa è per i 'big' come Ralph Lauren o Tommy Hilfiger, anche se c'è molta curiosità per i giovani talenti che scalpitano nel tentativo di rubar loro qualche riflettore.

Atteso anche il debutto del designer inglese Peter Copping per Oscar de la Renta, nominato direttore creativo poco prima che de la Renta morisse lo scorso ottobre. 

New entry anche per il rap Kanye West che è pronto a firmare la sua collezione per Adidas. 

Altra novità di questa edizione: le donne la faranno da padrona, visto che ormai gli uomini hanno deciso di dedicarsi una Fashion Week tutta per loro, sfilando sa soli, il prossimo luglio. 

Sarà anche l'ultima edizione a chiamarsi Mercedes Benz New York Fashion Week. Da settembre infatti sarà solo la New York Fashion Week e cambierà sede. 

Dopo Bryant Park ora dovrà traslocare anche dal Lincoln Center. Un giudice ha decretato infatti che il tendone dove si tengono le sfilate disturba il parco adiacente. 

Tutti pronti quindi per gli appuntamenti che decreteranno le tendenze per il prossimo autunno/inverno iniziando da New York (12-19 febbraio) e passando poi per Londra (20-24 febbraio), Milano (25 febbraio - 2 marzo) e Parigi (3-6 marzo).

Nessun commento: