giovedì 21 luglio 2016

Izumi Ogino riceve il Tao Award per la moda e inaugura Anteprima Casa Cucina, il primo ristorante della maison




Grande momento per Anteprima, brand il cui mood è capace di coniugare la creatività orientale con lo stile italiano, e che realizza una couture unica nel suo genere e apprezzata in tutto il mondo, un autentico Japan feat. Italy

Izumi Ogino, creative director della maison Anteprima, a conferma di ciò, riceverà il 23 luglio, nel corso di una serata di gala che si terrà presso il suggestivo teatro Antico di Taormina, il “Tao Award 2016 per la moda”.

Questo riconoscimento amplifica il sincretismo tra due culture apparentemente agli opposti espresso dalla moda della stilista, premiandone la filosofia e i valori stilistici che devono molto al Made in Italy, che verrà amplificato dalla consegna del premio da parte dell’ambasciatore giapponese in Italia, Kazuyoshi Umemoto, in occasione del 150mo anniversario dei rapporti tra i due Paesi.

I Tao Awards sono stati ideati con l’obiettivo di celebrare il Made in Italy in tutte le sue espressioni e, per la moda in particolare, premiano le maison che hanno contribuito a creare e a portare avanti la tradizione italiana. 

Un contesto perfetto per Anteprima che, per l’occasione, porterà in passerella una selezione rappresentativa della sua collezione Autunno Inverno 2017 capace di raccontare una magica couture in cui si fondono romanticismo e forza, contrasto e teatralità, con un bouquet di colori unici.

Ma non è l’unica novità in casa Anteprima. Il 29 luglio avverrà infatti l’opening del primo ristorante della griffe di prêt-à-porter made in Italy, che si chiamerà Anteprima Casa Cucina.

Il bistrot verrà inaugurato a Tokyo, nel quartiere di Ginza, nel nuovo flagship del marchio, il più grande Anteprima store del Paese.

La label, nell'orbita della holding Fenix che controlla anche la catena di supermercati di qualità City Super, punta ad offrire un'esperienza a 360 gradi, dalla moda al cibo, come spiega la stilista-imprenditrice, al vertice dell'azienda, con sede a Milano ed headquarters a Hong Kong.

Il ristorante sarà un omaggio all’Italia dove Izumi è approdata negli anni Ottanta e mira a presentare un’atmosfera rilassante e calda, un’ospitalità frutto di una accurata ricerca maturata durante i viaggi della stilista attraverso le regioni italiane.

La cucina sarà quindi rigorosamente italiana, con ingredienti selezionati e di alta qualità.

Nessun commento: