giovedì 16 maggio 2019

Dedutta a Torino la Korea Week, per conoscere meglio l’affascinante cultura coreana




Dopo il successo delle manifestazioni tenute a Roma, Napoli e Milano, la Korea Week arriva per la prima volta a Torino. 

Dal 19 al 24 maggio 2019 ci si potrà immergere nella cultura e nelle tradizione di questa affascinante nazione, grazie ai molti eventi che si svolgeranno durante la manifestazione. 

Il programma è ricco di lezioni di cucina, k-pop, cinema, teatro, musica e danze tradizionali, e gli eventi si tengono in vari luoghi del capoluogo piemontese, quali Piazza S. Carlo, il Museo d’Arte Orientale, il Cinema Massimo, il Teatro Piccolo Regio Puccini e il Teatro Piccolo Valdocco. 

Tra le cose più curiose la cuoca monaca buddista Jeong Kwan, protagonista della terza stagione di Chef’s table su Netflix, e il Baru-gongyang, il rituale sacro con cui si mangia con gratitudine nei templi buddisti: mangiare infatti non è solo nutrirsi, ma un modo per riflettere sull’origine del cibo ed essere grati alla natura e alle persone che preparano i prodotti. 

La cucina buddista della monaca Jeong Kwan proseguirà anche a Roma: il 22 maggio con le lezioni di cucina di Food Temple all’Istituto Culturale Coreano di Via Nomentana 12, infine il 24 maggio con la cerimonia del Baru-gongyang, al Grand Hotel Palace Roma in via Veneto 70. Si tratta di eventi su prenotazione mandando una mail all’indirizzo info@culturacorea.it, con contributo di 25,00 per le spese vive. 

La Korea Week è giunta alla settima edizione e nelle manifestazioni precedenti ha visto la partecipazione di oltre 12mila persone, un vero e proprio successo che ha contribuito a far conoscere la cultura coreana, ma ha anche creato un luogo di condivisione e di armonia con la cultura italiana 

La manifestazione si inaugura domenica 19 maggio alle 15.00 con il K-Pop Party al Teatro Piccolo Valdocco, un vero e proprio fenomeno a livello globale, tanto che uno dei gruppi più importanti, i BTS, sono stati scelti da Time Magazine come Next Generation Leaders 2018. Per l'occasione si esibiranno sul palco 10 gruppi di K-Pop Cover Dance preselezionati da tutta Italia, i quali riproporranno le coreografie dei K-Pop Idol più famosi del momento. 
Prima del contest, dalle ore 13.00, chi vuole avrà anche l'occasione di indossare gli abiti tradizionali coreani, Hanbok, e scoprire di più sul mondo della cosmetica coreana. 

Nei giorni successivi al Cinema Massimo, saranno proiettati due acclamati film coreani: 'Burning' con Steve Yeun (The Walking Dead), il 20 maggio alle 20.30, e 'Train to Busan' con Gong Yoo, il 22 maggio alle 20.30. Le proiezioni celebreranno anche i 100 anni del cinema coreano., 

Sempre il 22 maggio, ma alle ore 18.00 e in piazza S. Carlo (in caso di mal tempo alle ore 21 al PalaRuffini, Viale Bistolfi 10), la World Taekwondo (WT), l'unica federazione sportiva internazionale riconosciuta dal CIO, si esibirà in una spettacolare e imperdibile performance acrobatica sui fondamentali del taekwondo. 

Giovedì 23 maggio, al Teatro Piccolo Valdocco, sarà la volta dello spettacolo The Original Drawing Show, ovvero una performance artistica unica nel suo genere, in cui gli spettatori verranno letteralmente “inghiottiti” in straordinarie sessioni di disegno dal vivo. I giovani attori coreani del The Original Drawing Show si esibiranno in uno spettacolo non verbale in cui si destreggeranno nella realizzazione di elementi artistici del passato e del presente, dell’Oriente e dell’Occidente che promettono di lasciare tutti a bocca aperta. 

Giovedì 23 e Venerdì 24 maggio, al Museo di Arte Orientale, per K-Calligraphy si terranno speciali lezioni e dimostrazioni di calligrafia coreana (per le iscrizioni mandare una mail il 10 maggio), e nella stessa giornata sarà nuovamente possibile provare l’Hanbok, l’abito tradizionale coreano. 

Venerdì 24 maggio ore 20.30 al Teatro Piccolo Regio Puccini la manifestazione si chiude con la K-Traditional Performance, ovvero spettacolo di musica e danza tradizionale coreana tenuto dal Centro Nazionale di Musica Tradizionale di Namwon: le canzoni più importanti della tradizione coreana saranno adattate secondo i gusti attuali, per rendere lo spettacolo più gradevole al pubblico. 

Per tutte le informazioni, consultare il sito dell'Istituto Culturale Coreano.

Nessun commento: